martedì 22 agosto 2017

L'arte del soprano Rina Gigli nell'opera italiana (Napoli, 31 gennaio 1916 – Recanati, 22 agosto 2000)

 "...(Rina Gigli)...Padrona dello spartito dell'opera ha saputo fondere il suo Bel Canto con la musica pucciniana realizzando una perfetta interpretazione lirico psicologica"
(Ancona, "La Voce Adriatica" 1958)

"La sua ottima scuola di canto le ha permesso delle mezze voci di grande dolcezza"
(Corriere di Napoli)


35 anni di carriera come cantante.
Pianista.
Nominata Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana, Cavaliere della Repubblica del Portogallo, e tra le altre onorificenze perfino un diploma onorario della Croce Rossa Giapponese.

Tutto questo e molto altro ancora era Rina Gigli.

Ebbe forse una vita inquieta, sposò in secondo matrimonio il Basso Plinio Clabassi, anch'esso eccellente cantante.
Nelle foto appare sempre con un sorriso dolce spesso solo appena accennato, uno sguardo profondo e vagamente nostalgico. Viene da chiedersi di più su questa figura artistica.

Una risposta sulla personalità di Rina Gigli si può trovare più vicino di quanto si pensi, indizi chiarissimi sulla sua anima musicale traspaiono dalla sua voce; preziose registrazioni che ci sono rimaste; bastano talvolta semplici ascolti per evitare lunghi giri di parole; il messaggio più autentico di Rina Gigli sta nella sua voce; notevolissime recite in tutto il mondo in cui l'hanno affiancata Schipa, Di Stefano, Tagliavini, Vinay, Gobbi e perfino un calibro come Giacomo Lauri-Volpi, forse si sarà emozionata, proprio lei che era abituata alla leggenda della voce immortale di Beniamino Gigli.

Il padre l'aveva indirizzata allo studio del pianoforte, malgrado lei desiderasse da sempre cantare; e questa sua passione fu così tanto forte che di fronte all'evidenza del suo impegno e del suo valore perfino un gigante come Beniamino Gigli cedette il passo al suo volere. E così fu, la portò da un Maestro di sua fiducia, Astolfo Pescia che le dette una tecnica salda e un'emissione facile, va chiarito che furono il soprano Bice Mililotti e Pescia i suoi veri maestro di canto, e non Rosina Storchio, con cui Rina invece preparò tutto il ruolo di Traviata che debuttò a Parma nel 1943 affiancata dal padre (in precedenza comunque Rina aveva già cantato in un'opera completa, debuttando nell'Amico Fritz di Mascagni a Spoleto nel 1940).

Oggi 22 agosto 2017 la vogliamo ricordare proprio così, con la sua voce che continuerà a raccontare la storia dei Gigli alle generazioni passate e future.

M° Astrea Amaduzzi 


Rina Gigli intervistata al Teatro dell'Opera di Roma nel 1980




Rina Gigli sings live at age 70 (!!) at her home in Recanati




Il soprano Rina Gigli al Museo Gigli di Recanati




Rina Gigli - Non mi resta che il pianto -
L'Amico Fritz - Mascagni




Rina Gigli live in 1955 - "Un bel dì vedremo"




Luigi Vincenzoni ricorda Beniamino e Rina Gigli - Recanati, 28-09-2015




 

Rina Gigli in "Großes Sängerlexikon", Volume 4, di Karl-Josef Kutsch, Leo Riemens - Muenchen, 2003



"La scomparsa di Rina Gigli", da "L'Opera", settembre 2000
 
Beniamino Gigli con la piccola Rina
 
Rina Gigli

Rina Gigli ragazzina al pianoforte

Rina Gigli

Rina Gigli

 
Testimonianza di Rina tratta dal suo libro "Beniamino Gigli, mio padre - 1986


Tratto da "Beniamino Gigli: il tenore di Recanati" - di Torsten Brander, 2001


Rina Gigli, Roma 1941


Programma del Concerto Martini & Rossi, 6 aprile 1942. Tredicesimo concerto vocale e strumentale con la partecipazione del soprano Rina Lorenzelli Gigli e del tenore Beniamino Gigli

Beniamino Gigli, Vincenzo Bellezza, Rina Gigli e Paolo Silveri in TRAVIATA nel 1943







Rina Gigli in abito da scena

 
Rina Gigli

 
Rina Gigli

 
Foto di Rina Gigli con dedica al Maestro Dino Fedri

 
Beniamino and Rina Gigli with Silveri and Magnoni - Covent Garden, London, 1946 (Program Signed)

"And we applaud Beniamino and Rina Gigli, London 1946"

 
Rina Gigli

 
Rina Gigli assieme alla madre (a sinistra)

 
Beniamino e Rina Gigli - Concerto di beneficenza a Buenos Aires nel 1948
 
Beniamino e Rina Gigli in concerto a Roma nel 1949
 



 
Beniamino e Rina Gigli cantano nell'Elisir d'amore a Porto Recanati - luglio 1950



 
Beniamino e Rina Gigli in Traviata - Johannesburg-1951

Opera Stars London 1951 (Rina Gigli, Plinio Clabassi)

 
Rina Gigli con il marito, il basso Plinio Clabassi nel 1958

 
Rina Gigli in Sonnambula
 
Rina Gigli in Traviata
 
Rina Gigli in Amico Fritz

Rina Gigli in Pagliacci

Rina Gigli in Manon Lescaut
 
Rina Gigli in Butterfly













 
Autografo di Rina Gigli

 
Rina Gigli - Desdemona (Dedica e firma, 1962)


Rina Gigli - Mimì (Dedica e firma, 1961)






Rina Gigli mentre riceve gli applausi in teatro dal suo affezionato pubblico

Rina Gigli al Circolo Ufficiali di Roma


Rina Gigli con i suoi pappagalli, foto dall'Archivio Luce
 
Rina Gigli al pianoforte

 
"La sfortuna di chiamarsi Gigli (Rina Gigli)", di Giacomo Lauri-Volpi - "Musica e Dischi", maggio 1971




Intervista al soprano Rina Gigli, tratta da Bruno Baudissone - "Un nido di memorie", 1983



 DISCOGRAFIA DI RINA GIGLI:
















Discografia di Rina Gigli (Segue)

Arie:

Bellini - "Ah, non credea mirarti" (La sonnambula)
Bellini - "Deh non voler" (Norma, reg. live)
Verdi - "Mercè, dilette amiche" (I vespri siciliani)
Verdi - "La vergine degl'angeli" (La forza del destino - reg. live)
Verdi - "Pace, mio Dio" (La forza del destino)
Verdi - "Sul fil d'un soffio etesio" (Falstaff)
Mascagni - "Flammen perdonami" (Lodoletta - reg. live)
Puccini - "Vissi d'arte" (Tosca - reg. live)
Puccini - "Un bel dì vedremo" (Butterfly), live 1955
Grieg - "Solveig's Song" (Peer Gynt), cantato in italiano

Alcuni duetti con il padre Beniamino, tra i quali ricordiamo "La fatal pietra sovra me si chiuse", dall'Aida di Verdi (reg. 1941), "Già nella notte densa", dall'Otello di Verdi (reg. 1951), "Lontano, lontano", dal Mefistofele di Boito (reg. 1951) e "Non hai compreso un cor fedel", da Les pecheurs de perles di Bizet, duetto cantato in italiano.

Opere complete:

G. Bizet - "Carmen" (in ital.), con Ebe Stignani, Beniamino Gigli, Gino Bechi, dir. Vincenzo Bellezza - EMI 1949

P. Mascagni - "L'amico Fritz", con Beniamino Gigli, Afro Poli, Miriam Pirazzini, dir. Gianandrea Gavazzeni - dal vivo Napoli 1951

G. Donizetti - L'elisir d'amore, con Beniamino Gigli, Italo Tajo, Giuseppe Taddei, dir. Gianandrea Gavazzeni - dal vivo Napoli 1953

A. Catalani - "Loreley", con Anna De Cavalieri, Ken Neate, Piero Guelfi, dir. Alfredo Simonetto (Milano 1954)

G. Pietri - "Maristella" (selezione), con Agostino Lazzari, Carlo Tagliabue, Gianna Galli e Rina Corsi, dir. Arturo Basile - dal vivo Torino 1956




Duetto "Già nella notte densa" dall'Otello di Verdi con Beniamino e Rina Gigli, 1951

Si ringrazia in particolare il nipote recanatese di Beniamino Gigli Luigi Vincenzoni per le testimonianze e il materiale fotografico.

APPENDICE:
Intervista al soprano Rina Gigli tratta dalla rivista
"SETTENOTE musicali"
GIUGNO 1959 - Anno III Numero 6






1 commento:

  1. ITALIAN SHOWCASE
    è una vetrina di prodotti e servizi italiani, informazioni utili in Italia e tour in Italia. Italia da vivere. Innamorato dell'Italia. Vivere in Italia


    #Info_Italy
    #Call_in_Italy
    #Card _Italy

    RispondiElimina